FAVORITI TROTTO 11 OTTOBRE

Prima corsa. Sono i puledri della leva 2018 ad aprire il convegno del Derby day. Il potente Chapeau By Tony (finora 2 vittorie e due rotture nelle quattro corse disputate) potrebbe essere il migliore ma il cresciuto Collier sarà avversario di tutto rispetto. Il terzo napoletano Cursuss merita altrettanto credito e va anteposto a Crown Stecca.

I nostri favoriti: 6-4-5

 

Seconda corsa. Nove le femmine di 3 anni protagoniste dello Sfollamento delle Oaks. Bea Top ha ottenuto cinque belle affermazioni nelle ultime sei corse disputate, è veloce e ha il vantaggio del numero alla corda: merita il pronostico nei confronti di Bella Winner, ottima l’ultima prestazione, Brezza du Kras, Bloody Mary e Barbara Jet.

I nostri favoriti: 1-8-4

 

Terza corsa. Molto bello lo Sfollamento del Derby intitolato alla memoria di Biagio Lo Verde che vedrà al via dieci concorrenti con Banderas Bi (uno dei migliori della generazione 2017 privato della possibilità di correre il Nastro Azzurro da un Regolamento cervellotico) che cercherà di prendersi una piccola rivincita ma per riuscirci dovrà fronteggiare l’ostacolo di un complesso numero 10 di partenza. Billy Idol Jet, di sicuri mezzi, Baccani, fin da puledro sempre al via con i migliori della generazione, Bruccione Fas, ben collocato, Boys Stecca e Bixio gli altri da seguire.

I nostri favoriti: 10-5-6

 

Quarta corsa. Per gli anziani di categoria C e D la corsa del pomeriggio riservata ai gentlemen. Ribelle Op non corre da tre mesi e mezzo ma viene ripresentato da un team affidabile (Squeglia-Bevilacqua) e se vicino ad una forma accettabile può senz’altro puntare alla vittoria così come Unno, in gran forma nel periodo, Volcada Bar, poco convincente l’ultima volta ma con numero ideale per riscattarsi, e il veloce ma poco tenace Jolly Roy.

I nostri favoriti: 5-4-2

 

Quinta corsa. Nel nome del campione dei campioni Varenne questo handicap per gli anziani sulla distanza base dei 2600 metri. In sette al via (due allo start, uno a 20 metri, in quattro chiamati a rendere doppia penalità). Zeppelin Kyu Bar non corre da un mese e mezzo ma è un grintoso passista che potrebbe esaltarsi sugli oltre due giri e mezzo di pista. Bene in corsa il compagno di nastro Zaffiro Top più di Zarevic Blessed mentre Zecchinodoro Fks (velocissimo fra i nastri) è un’incognita essendo al rientro da febbraio. Zar Dangal al secondo nastro potrebbe far bene a patto di non aggravare la posizione nella fase di partenza. Allo start attenzione a Orion Tilly, ben rientrato dopo lunga assenza.

I nostri favoriti: 7-4-6

 

Sesta corsa. Eccoci alle Oaks del Trotto (gr. 1 – €. 253.000 – per femmine indigene di 3 anni – mt. 1.640) , vero e proprio Derby al femminile che regalerà alla vincitrice, oltre alla fama e al ricco montepremi, il tradizionale Nastro Rosa. Le principali candidate alla vittoria sono Betta Zack e Balsamine Font. La prima è la “punta” del come sempre numeroso schieramento proposto da Alessandro Gocciadoro (cinque le cavalle che verranno schierate dal team di Noceto) che vanta un curriculum quasi impeccabile avendo vinto ben sette delle dodici corse disputate in carriera e avendo fallito in una sola occasione l’ingresso nel marcatore. La forma recente della figlia di Rotary Ok e Martina Grif è perfetta: tre vittorie nelle ultime tre gare disputate con il facile successo nella Finale del Campionato Femminile dei 3 anni (sulla pista del Garigliano) e in precedenza il posto d’onore a Cesena battuta solamente dalla compagna di allenamento Babirussa Jet (una delle due femmine che sarà al via nella finale del Derby). Betta Zack ha rifinito la condizione vincendo in bello stile l’invito programmato il giorno delle batterie del Derby e non ha problemi di impiego: Andrea Guzzinati, abilissimo catch driver chiamato ad interpretarla per la scelta di Alessandro Gocciadoro di guidare Bahamia, è una garanzia che saprà tirare fuori il meglio dalla portacolori di casa Brischetto. Anche il curriculum recente di Balsamine Font è di assoluto rispetto ma il percorso seguito dalla campioncina di casa Rocca per giungere a questo fondamentale appuntamento della carriera è completamente diverso: la figlia di Filipp Roc è stata infatti trasferita in Svezia alle cure di Bjorn Goop in pieno lockdown (perché nel paese scandinavo le corse non sono mai state interrotte) e negli ultimi cinque mesi ha corso otto volte in quattro diversi ippodromi cogliendo cinque significative vittorie. Balsamine Font è stata anche capace di migliorarsi sensibilmente sotto il profilo cronometrico aggiornando il proprio record sulla breve a 1.11.2 e quello sulla media distanza a 1.13.2. Il numero 4 di avvio è perfetto per la portacolori della Scuderia Sant’ Eusebio che comunque non dovrebbe partecipare alla rovente fase iniziale per poi far valere il suo violento parziale conclusivo. La terza forza in campo, molto vicina nella valutazione alla due favorite, non può che essere Bahamia. La figlia di Maharajah può infatti vantare tra le sue ultime prestazioni l’ottima piazza d’onore dietro Babirussa Jet a Montecatini e il precedente perentorio successo a Montegiorgio nel Gran Premio Marche Femminile cui si deve aggiungere il fatto di essere stata selezionata da Alessandro Gocciadoro nel gruppo delle sue cinque partecipanti alla corsa. Sul conto di Bahamia solamente un piccolo dubbio sulla condizione attuale: essendo infatti stata ritirata a fine agosto nel Gran Premio Giovanardi arriverà all’impegno di domenica due mesi esatti dopo l’ultima corsa disputata. Tante altre aspirano ad essere protagoniste della corsa ma non avranno evidentemente vita facile al cospetto delle tre favorite. Considerazione non può certamente essere negata (nonostante uno scomodo numero 11 di avvio) a Bahia Pax (una delle cinque del Team Gocciadoro) che nel Gran Premio Nazionale è giunta terza al cospetto dei maschi dimostrandosi in esponenziale crescita psicofisica; quasi medesimo discorso vale per Bica Dl, abituale frequentatrice con discreti esiti delle classiche per le femmine, Bonneville Gifont, che ritrova la distanza preferita, Buena Suerte Bi (da pochi giorni passata alle cure di Marcello Di Nicola dopo essere stata plasmata e cresciuta da Tiberio Cecere) e la decaduta Belen Hall Fas, una delle reginette giovanili della generazione che però quest’anno dopo un promettente rientro ha sempre fallito al cospetto dei migliori rimediando tre rotture nelle ultime tre corse disputate (e dovrà anche fronteggiare lo scomodo numero 7 di partenza all’esterno della prima fila) . Dalla seconda fila proveranno l’inserimento fra le migliori anche le due del Team Minopoli Berenice Bi e Beautyful Breed, comportatesi ottimamente nella Finale del Campionato Femminile, Betta Indal e Blue di Girifalco, che è al rientro dopo due mesi e mezzo ma per la quale Alessandro Gocciadoro ha richiesto la guida di un guidatore prestigioso come lo svedese Orjan Kihlstrom. Tutto quanto detto finora lascia lo scomodo ruolo di outsider a Brooklyn Lux (che parte al pessimo numero 14 ma resta peraltro su una bella suite di vittorie) e Brezzapura Ferm che completano la corsa.

I nostri favoriti: 6-4-1

 

Settima corsa. Ben confezionata questa corsa sul miglio per anziani di categoria A e B che ha raccolto otto adesioni. Victor Ferm non è soggetto di facile utilizzo e per questo motivo corre con scarsa frequenza ma ha classe e mezzi per emergere in questa compagnia. Ua Huka è l’avversaria principale ma il numero in seconda fila la penalizza. Zoe Amg, rientrata con una prestazione superba, potrebbe far bene anche in questa compagnia così come Pocahontas Diamant e Zimmy Cub.

I nostri favoriti: 6-8-3

 

Ottava corsa. E’ finalmente giunto il momento del 93° Derby Italiano del Trotto che ritorna a Capannelle dopo due stagioni di esilio ad Agnano. Un’edizione che propone un campo partenti estremamente qualitativo. Tra i migliori della generazione 2017 infatti mancano all’appello solamente un paio di femmine importanti che hanno optato per la partecipazione alle Oaks oltre a Banderas Bi e Bristol Cr i due esclusi dalla finale non per demeriti agonistici, ma per circostanze avverse e indubbiamente poco fortunate. Nelle tre settimane intercorse tra le batterie e la finale c’è stato anche un cambio di casacca importante: quello di Bubble Effe, passato sotto i colori della Pink & Black dei fratelli Micciché con una compartecipazione paritaria della scuderia Biasuzzi che fa si che il vincitore della Batteria A, pur vestendo una giubba diversa, faccia rapporto di scuderia con il vincitore della batteria B, ovvero Bepi Bi. Sei gli allievi del team Gocciadoro al via quattro dei quali saranno in prima fila. Tra questi proprio il già citato Bepi Bi si presenta come il favorito della corsa in virtù dell’ottima impressione destata in batteria e della scelta di Alessandro Gocciadoro che ha voluto guidare in prima persona il figlio di Donato Hanover nel tentativo di riuscire finalmente a vincere il primo Nastro Azzurro da driver dopo aver conquistato quelli del 2017 e del 2018 da allenatore. In prima fila anche il vincitore dell’altra batteria, Boltigeur Erre, anche lui allenato a Noceto, unico rappresentante di una scuderia romana in pista. Ingaggiati anche due driver di fama internazionale come gli svedesi Bjorn Goop (Babirussa Jet) e Orjan Kihlstrom (Bubble Effe). In prima fila però ci saranno anche i due cavalli che sono stati sin qui i dominatori della stagione dei tre anni, ovvero Blackflash Bar e Barbaresco Grif che si sono spartiti le vittorie nei quattro gruppi 1 del circuito classico: Marangoni e Giovanardi per la femmina, Città di Napoli e Nazionale per il maschio e si propongono come principali antagonisti dell’armata gialla che può annoverare tra le proprie fila anche Baresi Effe e Bigbusiness Arc confinati in seconda linea, ma certamente non trascurabili a priori. Il resto del campo partenti propone Bonjovi Mmg posizionato al largo della prima fila con uno scomodo numero 7 e poi gli alleati Belzebù Jet e Bolero Gar che in quanto a valori assoluti possono certamente lottare per un buon piazzamento, ma che dovranno fare indubbiamente i conti con un contesto tattico complesso. Barolo Roc, compagno di colori di Blackflash Bar, Bengurion Jet, di mezzi ma poco fortunato nel sorteggio, e Bleff Dipa completano uno schieramento che appare assolutamente ben assortito.

I nostri favoriti: SC. 2/6-1-5

 

Nona corsa. Conclude il convegno una scarna ma comunque interessante prova per sole femmine di 4 anni. Allegra Luis resta su cinque vittorie a seguire e ha tutte le carte in regola per allungare la serie se non accuserà il rientro dopo un mese e mezzo di assenza. Archidamia, cavalla di classe ma non sempre affidabile, e le due di Gennaro Casillo Attrazione e All of Host sono avversarie temibili per la favorita.

I nostri favoriti: 1-3-4