ROMA 31 MAGGIO

Penultimo convegno di corse della primavera alle Capannelle. Domenica gran finale con il festival degli handicap principali ma anche con spazio doveroso ai puledri. Intanto il venerdì come sempre regala la pista dritta che si unisce al dirt. Quattro volte in erba e tre sulla pista all weather con distanze dai 1000 fino ai 2300 metri. Per i due anni una occasione sui veloci 1000 in dirittura.

Cinque saranno gli interessanti ed affollati handicap perché ancora una volta, come in ogni giornata di tutta la primavera , alle Capannelle non mancano i protagonisti che anche venerdì saranno oltre dieci per ogni corsa in programma. Due le dirittura gratificate da ottime perizie. I tre anni sui 1200, corsa scelta come TQQ del giorno, saranno in 12 con binocoli puntati verso Donnavventura, Nonna Grazia, Faulette, Hantaywee, Messer Aprile, Hedgehog, Mesocco, Lady of Fire e Lee Way. Davvero una corsa intrigante come l’altra i pista dritta ancora i 1200 e seconda tris ma per tre anni e oltre. Saranno in 13 con in luce Stone Skipping, Set Celebre, Bushalem, Sambuco, Il Moro, Timelast, Diloal, Sole di Pio.

Non finisce qui perché Capannelle da all’ippica anche la ultima seconda tris della giornata cosi che tutte le tris del venerdì si disputeranno sulla pista della via Appia. Ancora una perizia , questa volta sul dirt, in azione i tre anni e in 12 capeggiati da Atto Finale ma con anche Golden Stella , Future Strategy, Lo Zingaro, Nigella, con in basso Dogana.
Torna Indietro