Santo Stefano di festa e tradizione per il trotto

All’Ippodromo Capannelle cresce l’attesa per i grandi premi di chiusura della stagione 2015

Conto alla rovescia per i tre grandi appuntamenti romani di trotto tradizionalmente in programma nel giorno di Santo Stefano, quest’anno per la seconda volta ospitati all'Ippodromo Capannelle.
Un pomeriggio di grandissima levatura, quello del 26 dicembre, che attende gli appassionati con inizio del convegno alle ore 13.30.
Il palinsesto della riunione prevede infatti la disputa del Gala del Trotto (U.E.T. Master, gruppo 1, 110.000 euro, m. 2100), per cavalli di 4 anni e oltre di ogni Paese, il Gran Premio Allevatori (gruppo 1, 187.000 euro, m. 2100), per maschi interi e femmine indigeni di 2 anni, e il Gran Premio Allevatori Filly memorial Mario Fossati (gruppo 2, 66.000 euro, m. 1640), per femmine indigene di 2 anni.
Il classico Gran Premio Allevatori da sempre rappresenta l’atto conclusivo e più significativo della carriera dei puledri trottatori di 2 anni. Ormai consolidata la sua disputa sulla distanza classica dei 2100 metri (il primo ad imporsi sui due giri di pista fu un certo Viking Kronos), mette in palio la notevole moneta di 187.000 euro e consente al vincitore di poter annoverare nel proprio curriculum una sempre fondamentale affermazione in una corsa di gruppo 1. Come spesso avviene per gli atleti più giovani e quindi con minor esperienza agonistica, i valori in campo non possono ancora essere chiaramente delineati ma la prova in programma il giorno di Santo Stefano potrebbe contribuire in maniera significativa a chiarire quali potrebbero essere i migliori della generazione 2012 in vista dei fondamentali impegni del prossimo anno (primo fra tutti il Derby Italiano del Trotto).
Il Gala del Trotto (corsa nata nel 2001 con in più l’appellativo di Internazionale - ora derubricato - per sostituire il Gran Premio Turilli spostato ad ottobre) mantiene inalterato il fascino di grande prova internazionale per trottatori anziani che sancisce la conclusione dell’annata agonistica mentre il Gran Premio Allevatori Filly memorial Mario Fossati, è la prova gemella riservata alle sole femmine e programmata sulla distanza breve del miglio.
Torna Indietro